Foggia, Martinelli: "Le parole non contano più. Dobbiamo vincere"

Le parole del difensore rossonero
Le parole del difensore rossonero
- 42007 letture

E' intervenuto in conferenza stampa Luca Martinelli, difensore del Foggia, per parlare dell'attuale momento che sta vivendo la squadra. Ecco le sue parole: 

"E' un momento poco positivo, l'umore non è dei migliori. Vogliamo reagire, io personalmente sono rientrato nel momento forse più difficile e sto recuperando dall'infortunio. Ci stiamo preparando per la prossima trasferta, ora bisogna davvero tornare a vincere e fare risultato perché le parole non contano più. Venerdì dobbiamo riscattare il momento e dobbiamo cercare di ritrovare noi stessi più che preoccuparci dello Spezia. Sono amareggiato per il risultato perché speravo di rientrare con un risultato positivo. Guardo avanti con il pensiero positivo e dobbiamo lavorare tanto perché dobbiamo tirarci fuori da questa situazione il prima possibile. Il passaggio di categoria non è stato come credevamo. Nessuno pensava di soffrire così tanto. Forse l'entusiasmo della passata stagione ci ha giocato un brutto scherzo ma strada facendo ci siamo resi conto che la categoria è diversa e abbiamo pagato così come stiamo pagando la difficoltà del campionato. Un torneo molto equilibrato dove ci sono squadre costruite per vincere ma anche queste stanno trovando difficoltà nel raggiungere l'obiettivo. Venerdì bisogna tornare a giocare mantenendo i nervi tesi e non so se sarò titolare perché rientreranno sicuramente Coletti e forse anche Camporese. Sinceramente le vicende societarie non ci devono interessare, noi andiamo in campo. Tornando a noi, la fase difensiva deve essere rivista anche se non me la sento di buttare la croce addosso alla difesa perché sono errori che partono anche dall'attacco. Quando ognuno di noi fa la scelta di giocare a Foggia deve sapere che pressioni vive sia in positivo che in negativo. Ci si esalta in un attimo e ti massacrano subito dopo. Per giocare a Foggia ci vogliono le palle".

A cura di Tiziano Errichiello 

Francesco Beccia