Calciomercato LIVE

San Severo, contestato Dell'Erba. Riunione a breve, futuro in bilico

Il comunicato dei giallogranata
Il comunicato dei giallogranata

Dopo l'amaro verdetto della retrocessione in Eccellenza arrivato ieri con la sconfitta nel playout contro la Frattese, in casa San Severo è già ora di pensare al futuro.

Futuro che al momento sembra in bilico, soprattutto dopo la contestazione arrivata ieri a fine partita rivolta al patron Paolo Dell'Erba. Frasi e cori che non sono affatto piaciuti al numero uno giallogranata, pronto a convocare una riunione nei prossimi giorni per valutare se sussistono le condizioni per continuare o se cominciare a pensare alla cessione della società.

La società giallogranata ha spiegato tutto con un comunicato apparso sulla fanpage Facebook ufficiale:

Dopo 5 anni in serie D, fatti con mille sacrifici economici e di tempo, senza mai avere un vero Stadio, quindi senza incassi o quasi, con la consapevolezza di aver fatto di tutto per mantenere la categoria, magari anche con qualche errore, purtroppo siamo retrocessi in Eccellenza. Il primo ad essere deluso è il Patron Paolo dell’Erba, che per ben quattro campionati ha supportato gran parte del progetto insieme ad altri appassionati dirigenti ed amici. Entrò a Gennaio 2015 quando il Presidente Dino Marino lottava tra la vita e la morte, e se non fosse stato per lui la serie D l’avremmo persa già nella stagione 2014/15. Cari tifosi noi tutti siamo affranti ed amareggiati così come lo siete voi, ma questo è il calcio e dobbiamo accettare sportivamente il verdetto del campo. Però visti i cori ingenerosi ed indecorosi indirizzati a fine partita a Paolo Dell’Erba, che sullo 0-2 stava già informandosi circa le possibilità di ripescaggio, tutta la Società ha deciso di riunirsi nei prossimi giorni per capire se ci sarà ancora la voglia di tutti, e soprattutto del Patron, a proseguire o se passare il testimone ad altri che abbiano voglia di fare calcio a San Severo. Infine vogliamo precisare alcune cose circa le voci infondate riguardo il mancato pagamento degli stipendi ai giocatori: in 5 anni abbiamo sempre pagato 7/8 stipendi su 10, regolarizzando la rimanente parte entro l’inizio della stagione successiva, così come potrà confermare il Capitano e tutti i giocatori tesserati.

Francesco Beccia