Calciomercato in tempo reale

IL PAGELLONE DELLA 35^: Il Foggia suona la decima, disastro Taranto

- 154113 letture

Il Foggia è praticamente in B: questo il dato principale che emerge dalla 35^ giornata di Lega Pro. Ai satanelli basterà non perdere a Fondi domenica prossima per festeggiare il ritorno in serie B dopo quasi 20 anni. Sviluppi interessanti in zona playoff e playout, dove si battaglierà fino all’ultima giornata.

Ecco il pagellone di questo turno di campionato:

FOGGIA 10: E non potrebbe essere altrimenti visto che la squadra di Stroppa suona la decima sinfonia consecutiva. E’ stata più dura del previsto contro una Reggina che ha piazzato il proverbiale pullman davanti alla porta, ma l’importante era badare al sodo. Arriverà la lode domenica prossima? Molto probabile…

PERUCCHINI 8: Le sue prodezze salvano un Lecce in balìa del Matera. E’ solo per “colpa” sua se a Foggia ieri non si è festeggiato fino a notte fonda.

MELFI 7,5: Colpo grosso della squadra allenata da Diana, che inguaia il Messina. I lucani si confermano squadra da trasferta, visto che al “San Filippo” hanno conquistato la terza vittorie nelle ultime 5 gare esterne.

CATANZARO 7: Tre punti di platino per la squadra di Erra, che grazie alla rete di Icardi piega il lanciatissimo Siracusa. C’è ancora da lottare per cercare di evitare i playout, ma giocando come contro gli aretusei i giallorossi possono farcela.

COSENZA 7: Grande vittoria al “Massimino” per i calabresi, che dimenticano così il passo falso con il Siracusa. Qualificazione playoff praticamente in ghiaccio, adesso bisogna pensare a ottenere il miglior piazzamento possibile.

AKRAGAS 7: La rete di Klaric ha consentito ai giganti di battere la Casertana e rilanciare le proprie ambizioni di salvezza diretta. Complessivamente è un ottimo momento per i siciliani, che hanno perso una gara nelle ultime 7 conquistando ben 14 punti: una media punti da vertice.

FONDI 6,5: La squadra di Pochesci riesce a violare il “Degli Ulivi”, tornando alla vittoria dopo otto turni di astinenza e rilanciando le proprie ambizioni playoff. Il periodo buio è definitivamente alle spalle? E’ presto per dirlo, ma già nel prossimo turno i rossoblu affronteranno la prova del nove, visto che se la vedranno col Foggia.

MONOPOLI 6,5: Era l’unica squadra professionistica a non aver mai vinto nel 2017. I biancoverdi scelgono il momento migliore per interrompere il digiuno, visto che vanno a vincere allo “Iacovone” spedendo il Taranto all’inferno, tra l’altro con un gol dell’ex rossoblu Genchi. Sarà l'inizio della risalita?

FIDELIS ANDRIA 4,5: Terza sconfitta interna consecutiva (e quinta nelle ultime sette partite) per i federiciani, che adesso vedono in serio pericolo la partecipazione ai playoff. Troppi sprechi contro il Fondi, che porta via i tre punti dal “Degli Ulivi” con il minimo sforzo. Nel giro di un mese è stato parzialmente buttato al vento il lavoro di una stagione. Bisognerà dare tutto nelle ultime tre partite per evitare la beffa dell’esclusione dalla postseason.

CATANIA 4: La grande delusione della stagione. Ieri contro il Cosenza la sesta sconfitta nelle ultime 8 gare: numeri che sanno di fallimento. L’andamento lento delle squadre che sono davanti lascia agli etnei ancora buone chance di entrare in zona playoff. Non partecipare alla postseason sarebbe davvero una disfatta per i rossoblu….

TARANTO 3: Se qualcosa può andar male, andrà male. La legge di Murphy rispecchia benissimo la situazione in casa rossoblu. La sconfitta con il Monopoli potrebbe essere il punto di non ritorno per gli uomini di Ciullo (per quanto ancora?), adesso ultimi. Beffa delle beffe è l’aver perso a causa di un gol di Genchi, ex fischiatissimo dallo “Iacovone”. Mercoledì prossimo c’è il recupero con la Paganese: un risultato diverso dalla vittoria avrebbe il sapore della condanna al ritorno tra i dilettanti, un’onta che la piazza ionica non meriterebbe.

La Redazione