CON CHI GIOCA IL FOGGIA? - Venezia tra il Foggia Calcio e il "double"

LE PROBABILI FORMAZIONI
LE PROBABILI FORMAZIONI
- 84771 letture

Parafrasando le parole di Inzaghi, sarà l'incontro che metterà di fronte le due squadre più forti della Lega Pro. Foggia-Venezia, non è soltanto una partita decisiva per l'assegnazione della Supercoppa di Lega Pro, ma vale qualcosina di più anche in vista del mercato e della Serie B che sarà. E' lo scontro tra le due super-potenze della terza serie italiana, tra le due squadre che hanno fatto registrare più punti durante la regular season e, per qualcuno, sarà l'occasione di guadagnarsi una riconferma. Ognuna delle due squadre, quasi sicuramente, è l'avversario più forte incontrato dall'altra e questa voglia di stabilire una sorta di "gerarchia" arricchisce il sapore di una gara già importante di per sè. Foggia-Venezia, è un po' anche Inzaghi contro Stroppa, entrambi un passato nella primavera del Milan e ancor prima da attaccanti del glorioso club rossonero. Tra i due c'è molta stima, nonostante un percorso completamente differente che ha portato Pippo, all'epoca pallino del presidente Berlusconi, a sedersi addirittura sulla panchina della prima squadra del Milan con risultati non eccelsi. Rispetto reverenziale e grande affetto nei confronti di Stroppa. Questi sono stati i due cardini della conferenza pre-gara del mister dei lagunari: "ll Foggia è sicuramente la squadra più forte che affrontiamo. Penso che come rosa sia ai livelli del Parma, ha delle ottime individualità, ed è ben allenata. Stroppa lo conosco e sono contento per lui, gli faccio i complimenti. Sono contento che una piazza come Foggia abbia ritrovato la Serie B dopo tanti anni." Il Venezia torna ad affrontare una squadra del Girone C di Lega Pro, dopo la finale di Coppa Italia contro il Matera che ha permesso ai nero-arancio-verdi di conquistare il double, ultimo obiettivo stagionale dei satanelli. Questioni di numeri, o di etichette. Chi per il double, chi per il triplete. Nomi che non cambiano l'essenza di una partita che si preannuncia come una grande festa di calcio, tra due compagini di categoria superiore. I ragazzi di Stroppa hanno a disposizione due risultati su tre per conquistare l'ultimo trofeo della stagione, ma il mister dei dauni, come sempre, ha indossato le vesti da pompiere: "Abbiamo due risultati ma è importante non pensarci. Andremo a Venezia per giocare per vincere. Come Sempre". Torna dunque, un match che mancava dalla stagione 2007-2008, quando al "Penzo" tra lagunari e pugliesi finì 1-1 con le reti di Veronese e Del Core. Risultato che i tifosi foggiani si augurano, poiché garantirebbe la vittoria della Supercoppa al club di Viale Ofanto in virtù del maggior numero di punti conquistati in campionato (85 contro 80) e della maggiore differenza reti grazie alla vittoria firmata Mazzeo sulla Cremonese.

VENEZIA - Insieme al Foggia è sicuramente uno degli organici meglio assortiti della terza divisione italiana. Gli 80 punti conquistati, frutto di 23 vittorie e 11 pareggi, in un difficilissimo Girone B ne sono la testimonianza. Un campionato simile a quello dei satanelli per dinamiche e "rivali". Un po' come il Lecce, il Parma è stato un "osso duro" per i ragazzi di Inzaghi nonostante i 10 punti di vantaggio accumulati alla fine del campionato, il che da ulteriore valore all'impresa dei veneziani. Una rosa costernata di ottimi prospetti e giocatori esperti che hanno calcato campi di Serie A, su tutti Maurizio Domizzi e l'attaccante ex-Udinese, Geijo. Proprio il 35enne spagnolo, assieme a Moreo, con dieci reti è il top scorer della formazione lagunare e ha già fatto male alla Cremonese nella partita d'esordio in questa competizione. Venezia che fa della profondità della rosa una delle sue doti principali ma, soprattutto, la squadra di Pippo Inzaghi han la capacità di trovare la via del gol con soluzione diverse e uomini diversi come dimostrano i sette gol di Marsura, i quattro di Ferrari, i tre di Domizzi e la punizione di Bentivoglio, ex Chievo, che ha regalato i tre punti ai veneti contro la Cremonese. Fedele al 4-3-3, Inzaghi ha plasmato la sua squadra a sua immagina: verace e sempre alla ricerca del gol, con una gradissima organizzazione tattica. Out Malomo, sarà ancora lo stesso modulo a farla da padrone:  tra i pali Facchin, poi linea a 4 con Zampano e Garofalo sugli esterni e Domizzi, al centro della difesa, con Modolo. In avanti probabile conferma per Geijo, con Falzaerano e Moreo ai suoi lati. Panchina per Ferrari ma occhio a Caccavallo, ex Paganese e già incubo del Foggia di De Zerbi, e Fabris. A completare lo scacchiere dei lagunari, centrocampo a 3 con Soligo, Bentivogli e Fabiano. Marsura è l'alternativa più offensiva a Fabiano con Fabris nei 3 di centrocampo.

FOGGIA - Dopo il match con il Lecce di ormai quasi due mesi fa, questo si presenta come l'impegno più difficile per i satanelli. O meglio, il Venezia sulla carta pare essere una delle squadre meglio attrezzate tra quelle incontrate dal Foggia. Per quanto sia arrivato un periodo in cui le risorse psico-fisiche sono chiamate ad un grosso lavoro extra dopo essere state logorate dagli stessi festeggiamenti, nessuno vuole perdere. Tutti vogliono vincere. Vuole vincere Stroppa, vogliono vincere i giocatori e vuole vincere Foggia. La reazione contro la Cremonese è stata quasi indicativa della volontà dei rossoneri di non lasciare nulla per strada. Proprio per questo, Stroppa dovrebbe mandare in campo la formazione migliore possibile. Non ci sarà Agnelli fermato dal Giudice Sportivo, oltre agli infortunati Empereur, Martino e Faber. Il posto del capitano rossonero dovrebbe essere preso dal numero 25, Alberto Gerbo. In difesa dovrebbero rivedersi Coletti e Loiacono, con Martinelli e Rubin a completare il reparto. Guarna confermatissimo tra i pali. A centrocampo, oltre all'instancabile motorino torinese ci saranno l'inamovibile Antonio Vacca e Davide Agazzi. Fuori Di Piazza, a favore di Sainz-Maza, rispetto all'ultima gara contro la squadra di Tesser. Confermati Sarno e il bomber Fabio Mazzeo

PROBABILI FORMAZIONI

VENEZIA (4-3-3): Facchin; Zampano, Modolo, Domizzi, Garofalo; Soligo, Bentivoglio, Fabiano; Moreo, Geijo, Falzerano. All. Inzaghi

FOGGIA (4-3-3): Guarna; Loiacono, Martinelli, Coletti, Rubin; Gerbo, Vacca, Agazzi; Sarno, Mazzeo, Sainz-Maza. All. Stroppa

Agostino Piacquadio