Calciomercato LIVE

Foggia, Grassadonia: "La gara di domani darà indicazioni di mercato"

Le parole del tecnico rossonero
Le parole del tecnico rossonero

E' intervenuto in conferenza stampa Gianluca Grassadonia, tecnico del Foggia, alla vigilia dell'esordio ufficiale dei rossoneri in Coppa Italia contro il Catania, match valido per il secondo turno. Queste le sue parole: 

A livello tattico abbiamo le idee abbastanza chiare, dal punto di vista numerico siamo molto limitati. C'è ancora molto da fare e lo sappiamo. Siamo nel pieno della preparazione, dopo 15 giorni di lavoro non si può essere al top. Siamo però in crescita costante. Domani vedremo a che punto siamo nell'apprendimento. 

E' un'emozione importante esordire qui da allenatore. Durerà comunque poco perché di carattere sono abbastanza freddo e riesco a gestire le emozioni. C'è la realtà, una partita contro una squadra che ha già giocato la settimana scorsa e che magari ora è anche con il vento in poppa. Siamo curiosi di dar battaglia e di iniziare a capire di che pasta siamo fatti. Sarà una partita dove mi interessa soprattutto il risultato e allo stesso tempo capire se la squadra ha fatto dei passi in avanti. Saremo limitati, abbiamo delle squalifiche pregresse ma questo deve darci ancor più forza. Vorrei comunque vedere un'identità ben precisa, oltre a carattere, intensità e organizzazione che sono i paletti principali su cui lavorare. Gli episodi poi determinano una partita e noi dobbiamo essere bravi a commettere meno errori possibili. 

Ho avuto tantissima disponibilità dai ragazzi, è un gruppo da elogiare per impegno, professionalità e disponibilità. Lo staff è molto contento, i ragazzi hanno immagazzinato molti dati, vedremo quanto li avranno assimilati. Aspettiamo delle caselle che mancano ancora ma certamente ci aspettiamo dei passi avanti costanti dai giocatori attuali. Ho dei giocatori duttili che hanno voglia, questo è un momento dove dobbiamo stringere i denti e cercare di trarre il massimo. 

Siamo contati a centrocampo e in attacco. Busellato è fermo da tre mesi, certamente non li rischieremo. Inizierà un programma con i preparatori, non avrà diritto a giorni di riposo, lavorerà a ferragosto. 

Zeman resta inarrivabile per tutti, non è assolutamente imitabile. De Zerbi e Stroppa sono bravissimi ma ognuno poi ha un suo modo di vedere il calcio, un suo modo di proporsi. Mi interessa la disponibilità della squadra. I ragazzi hanno accettato bene questa nuova sfida. 

Gori ha dimostrato nelle giovanili di essere un giocatore bravo, dovrà esserlo anche tra i grandi. La qualità c'è e la voglia di arrivare anche. Ha dei colpi importanti, deve maturare, ha una grande personalità e non si lascerà abbattere dai momenti difficili che arriveranno. Mazzeo? L'età non conta e lo ha dimostrato. Vedremo comunque cosa ci riserverà il mercato. Siamo in attesa dei colpi che sicuramente arriveranno nei prossimi giorni. Penalizzazione? Non conta l'entità. L'obiettivo è azzerarla al più presto. 

Floriano può coprire più ruoli, ha dei colpi importanti. Va contestualizzato non spalle alla porta dove andrebbe a perdersi. I giovani? Fanno tutti parte del progetto ad oggi. Non abbiamo certezze, sono tutti sotto esame. Sarà un mercato che potrà rivelare sorprese sia in entrata che in uscita, loro devono mettersi a disposizione come hanno fatto fino ad oggi. Domani la partita ci darà delle indicazioni importanti anche per il mercato. Partiamo da una buona base su cui integrare acquisti mirati e di qualità, come Busellato. Sono arrivati dei giovani importanti, tra i migliori in circolazione. C'è un direttore molto bravo che ha seguito il ritiro e tutte le indicazioni. Avremo le idee chiare su ciò che manca dopo la partita di domani. 

Attraverso i fatti possiamo portare gente allo stadio. Non mi piace parlare prima e fare proclami. Dobbiamo meritarci l'affetto della gente per farla venire allo stadio. Dobbiamo abituarci ad andare a prendere le cose. 

In difesa abbiamo qualche dubbio in più. A centrocampo e in attacco abbiamo scelte obbligate. 

Francesco Beccia