In Coppa Italia prosegue il Catania: 1-3 etneo al Foggia

Tris Catania allo Zaccheria
Tris Catania allo Zaccheria

Un coriaceo Catania espugna il "Pino Zaccheria" di Foggia nel match utile per staccare il pass per il terzo turno di Coppa Italia. 1-3 etneo firmato da una doppietta di Rossetti e da una punizione dello specialista Lodi. A nulla è valso il gol dell'1-2 rossonero siglato dal giovane Gori

CRONACA - Scelte obbligate o quasi per Grassadonia: gli assenti per squalifica e una rosa ancora corta costringono il tecnico rossonero ad optare per un 3-4-1-2 che vede Bizzarri in porta; Tonucci, Camporese e Martinelli a comporre il terzetto difensivo; Zambelli e Kragl sulle fasce, Carraro e Ramè  in mediana: la novità è la posizione di Deli, schierato a supporto del duo Nicastro-Gori. Sottil risponde con un 3-5-2 che vede Pozzebon-Rossetti terminali offensivi. 

Le prime due occasioni sono di marca Foggia: prima Martinelli impegna severamente Pisseri sugli sviluppi di un calcio di punizione calciato da Kragl. Poi è Nicastro a costringere il portiere rossoblu alla respinta con un tiro a giro dal limite. Al 13' però, alla prima occasione buona, il Catania passa: il Foggia perde palla a centrocampo, ne approfitta Barisic che dalla destra pesca al centro il tutto solo Rossetti che di testa in tuffo supera Bizzarri da due passi. 5 minuti più tardi gli etnei vanno vicini al raddoppio: Pozzebon si libera per la conclusione dai 25 metri, la palla viene deviata da un difensore e va a sbattere sul palo a Bizzarri battuto. La risposta del Foggia arriva solo al 31' con un mancino di Gori da posizione defilata che Pisseri è costretto a bloccare in due tempi. Questa l'ultima occasione di uno scialbo primo tempo.

La ripresa si apre senza cambi e con i ritmi simili a quelli della prima frazione, complici anche la temperatura e la preparazione fisica delle due squadre non al top. Al 50' gran conclusione di Deli dai 25 metri, Pisseri respinge, raccoglie palla Gori che si libera di un avversario e prova un destro che si spegne però di poco alto sopra la traversa. Poco dopo ci prova Carraro con un sinistro a giro debole dai 20 metri che si spegne di poco a lato. Risponde il Catania con due conclusioni di Pozzebon e Barisic terminate di poco fuori. Al 68' Deli è costretto a uscire per infortunio, al suo posto entra Sicurella. Un attimo dopo, il Catania fa bis: merito dello specialista dei calci piazzati Lodi, che su punizione dai 20 metri, beffa Bizzarri facendo passare palla sotto la barriera. Quattro minuti più tardi il Foggia però accorcia subito le distanze: Zambelli crossa dalla destra, Gori tocca di testa il pallone quel tanto per beffare Pisseri e accorciare le distanze. Altri cambi nelle due squadre: Rubin sostituisce Ramè nel Foggia, Fornito entra al posto di Noce nel Catania. Al 75' Kragl ci prova con un sinistro al volo dai 20 metri che si spegne fuori non di molto. Lo Zaccheria, con i suoi 7000 spettatori nonostante il periodo, spinge i suoi beniamini ma all'80' arriva la definitiva doccia fredda: Bucolo va via ad un paio di difensori sulla sinistra, entra in area e serve un assist al bacio per Rossetti che non deve altro che appoggiare palla in rete. Da qui in poi null'altro da segnalare, se non qualche insidiosa conclusione di Kragl intercettata da Pisseri. Dopo 4 minuti di recupero, l'arbitro decreta la fine delle ostilità. 

Prosegue il cammino in Coppa Italia dunque il Catania, che nel prossimo turno affronterà l'Hellas Verona, vittorioso sulla Juve Stabia per 4-1. Saluta invece la competizione il Foggia di Grassadonia, apparso ancora indietro di condizione e privo soprattutto di elementi di categoria in campo. 

Francesco Beccia

Leggi altre notizie:FOGGIA CATANIA