Calciomercato LIVE

Florio lascia il San Severo: "7 anni indelebili ma merito rispetto"

Foto: Lucia Melcarne
Foto: Lucia Melcarne

Dopo 7 anni in maglia giallogranata, il capitano Andrea Florio lascia il San Severo Calcio. Lo fa dopo il match perso ieri in Coppa Eccellenza contro l'Atletico Vieste, pubblicando un post sul suo profilo Facebook personale in cui sottolinea il perché abbandona la causa giallogranata.

"Ho una dignità ed è per questo che merito rispetto" questa la chiave del suo addio, doloroso dopo oltre 200 presenze con la maglia della sua città. Questo il post integrale: 

Come ogni cosa c'è un inizio e una fine. Vado via a testa alta, anzi altissima. Si possono accettare tutte le critiche sull'aspetto tecnico-tattico, ma sulla mia persona mai nessuno deve permettersi di giudicarmi, sopratutto senza conoscermi. Ho una dignità ed è per questo che merito rispetto, RISPETTO un valore che mi contraddistingue, una parola che la mia famiglia mi ha insegnato e mi ha inculcato da sempre e per sempre, una parola che molti sanno pronunciare ma pochi sanno usare. Dopo questa piccola e dovuta parentesi volevo dire GRAZIE a chi mi ha sempre sostenuto e dimostrato il suo affetto soprattutto nei momenti difficili, affetto che ho cercato di ricambiare mettendo tutto me stesso in campo con passione amore e dedizione. Più di 200 presenze non bastano a raccontare le emozioni e i ricordi indelebili che ho vissuto con questa maglia. Ho trascorso gran parte della mia carriera a difendere questi colori che oramai ho stampato sulla mia pelle e che forse avrei continuato a difendere, fino a fine carriera contribuendo anche alla crescita dei giovani. Posso assicurarvi che su ogni campo e con tutto me stesso ho sempre lottato per la mia città, cercando di meritarmi quell’affetto e quell’amore che quotidianamente mi circondavano. Città nella quale sono cresciuto come calciatore e come UOMO. In questi 7 anni abbiamo gioito e sofferto insieme. Si sa nel calcio si vince e si perde insieme, ma io ero il capitano e come un “capo” deve fare, mi sono assunto le responsabilità dell'ultima annata iniziata male e finita peggio. Una stagione anomala, in cui alle difficoltà si è aggiunta anche un po’ di sfortuna. Quindi, prendendo atto di questa situazione e al termine della mia avventura in giallogranata, voglio aggiungere che in cima alle mie priorità c’è sempre stato il bene del San Severo, e posso assicurarvi che non farei nulla per comprometterlo, anche oggi che non ne faccio più parte. Ringrazio tutti i tifosi che mi sono sempre stati vicini e continueranno a farlo in futuro. Chiedo scusa a tutti quelli che ho deluso e che oggi mi puntano il dito. IO il San severo lo porterò sempre nel cuore.

Con affetto, il CAPITANO 

Francesco Beccia

Leggi altre notizie:ALTO TAVOLIERE SAN SEVERO