Foggia-Ascoli: le probabili formazioni

Le probabili formazioni di Foggia-Ascoli
Le probabili formazioni di Foggia-Ascoli

Dopo le vittorie contro Padova e Benvento, il Foggia, tra poche ore, ospiterà l'Ascoli di Vivarini con l'obiettivo di dare seguito alla striscia di risultati positivi iniziata dieci giorni fa contro i veneti, proprio allo "Zac". La missione, però, non è delle più semplici perché di fronte ai ragazzi di Grassadonia ci sarà una delle formazioni più ostiche e coriacee di questo campionato: una delle migliori difese e uno dei peggiori attacchi, con 3 gol fatti e 4 subiti, l'Ascoli si presenta come il più classico degli avversari difficili da affrontare. 

Foggia e Ascoli si sono già incontrate quest'anno ma era un match amichevole di fine agosto e sempre allo Zaccheria, fu un gol di Chiaretti, appena arrivato in maglia rossonera, a decidere l'incontro. Tutta un'altra storia rispetto ad oggi. Adesso, se da un lato, il Foggia è forte e carico per la bella e convincente vittoria ottenuta per 1-3 al "Vigorito" di Benevento contro Coda e co., dall'altro, i bianconeri marchigiani sono reduci da tre risultati utili consecutivi e seppur la vittoria manchi da due turni, quando al "Del Duca" l'Ascoli ha superato il Lecce, rivelazione del campionato, per una rete a zero, nelle scorse due partite gli uomini di Vivarini hanno bloccato sia Salernitana che Cremonese con due pareggi per un totale di 5 punti in 3 partite.

L'Ascoli, dunque, per i rossoneri, rappresenta la "prova del nove", un vero e proprio test, un crocevia importante in vista della pausa, per poter valutare il percorso di crescita e continuare ad alimentare l'entusiasmo della piazza, dopo l'azzeramento della penalizzazione e la conquista del primo punto stagionale. 

Per la gara casalinga contro l'Ascoli, mister Grassadonia dovrà fare a meno dei lungodegenti Rubin e Iemmello, oltre a Cavallini e Arena. Oltre a queste defezioni, l'ex mister di Paganese e Pro Vercelli, rischia di dover riunciare anche al suo numero 11, Oliver Kragl. Il tedesco è alle prese con un piccolo stiramento alla parte interna della coscia e in settimana non si è praticamente mai allenato in gruppo. Le alternative si chiamano Cicerelli e Ranieri, più difensivo. Per quanto riguarda il resto della formazione titolare, dovrebbe essere confermato nuovamente il 3-5-2 visto a Benevento. Bizzarri tra i pali, dubbio Loiacono-Tonucci, con Camporese e Martinelli a completare la retroguardia. Duello tra Zambelli e Gerbo per la corsia di destra, con Kragl, qualora dovesse farcela, a sinistra. Confermati Deli e Busellato ai lati di Carraro. In attacco ancora confermati Galano e Mazzeo.  

Più di qualche problema di formazione per mister Vivarini. Nei bianconeri non saranno disponibili gli infortunati Ardemagni, Ngombo, Ingrosso, D’Elia e Valentini. Ci saranno invece Ganz e l'ex di turno, Beretta. Problemi anche per il portiere Lanni e confermato tra i pali Perucchini. Nel 4-3-1-2 del mister ex Empoli e Teramo, la linea difensiva sarà composta da Laverone e Quarata sulle corsie con Brosco e Padella al centro della retroguardia. In mezzo al campo, Addae e Cavion, favoriti rispettivamente su Frattesi e Casarini, affiancheranno Troiano. Sarà, invece, Ninkovic, che l'anno scorso quando vestiva la casacca dell'Empoli fece letteralmente impazzire la difesa rossonera, ad avere il compito di innescare Beretta e Ganz, che comporranno il tandem offensivo. 

LE PROBABILI FORMAZIONI

FOGGIA (3-5-2): Bizzarri; Loiacono, Camporese, Martinelli; Zambelli, Busellato, Carraro, Deli, Kragl; Galano, Mazzeo. All.Grassadonia.

ASCOLI (4-3-1-2): Perucchini; Laverone, Padella, Brosco, Quaranta; Addae, Troiano, Cavion; Ninkovic; Beretta, Ganz. All.Vivarini.

Agostino Piacquadio

Leggi altre notizie:FOGGIA