E' un Foggia affamato. 3-2 sull'Ascoli, terzo successo consecutivo

Vittoria del Foggia per 3-2
Vittoria del Foggia per 3-2

E sono tre. Terzo successo consecutivo per il Foggia di Grassadonia che, nel pomeriggio allo stadio "Zaccheria", ha superato l'Ascoli di Vivarini per 3-2 al termine di una partita ricca di emozioni. 

CRONACA - Grassadonia non rinuncia a Kragl, nonostante le condizioni fisiche non ottimali del centrocampista tedesco. Nel 3-5-2 rossonero, l'unico cambio rispetto a Benevento è l'inserimento di Gerbo a destra al posto di Zambelli. In attacco confermato il duo Galano-Mazzeo con Deli mezzala di propensione offensiva. Vivarini risponde con un 4-3-1-2 che vede Ninkovic supportare le due punte Ganz e Beretta, ex che ha vestito la maglia del Foggia nella scorsa stagione. 

Pronti-via e dopo 5' il match si sblocca in favore degli ospiti: Brosco su cross dalla destra, impatta di testa dal centro dell'area e beffa Bizzarri, poco reattivo nell'occasione. La reazione del Foggia però è immediata e al 10' è già 1-1: Kragl dalla sinistra appoggia per Deli, la mezzala rossonera si accentra, mira e centra l'angolino sinistro della porta difesa da Perucchini, non impeccabile sulla conclusione. Il match è spettacolare, tant'è che al 13' il Foggia ribalta addirittura il risultato: Busellato dal limite prova una conclusione su cui Perucchini è superlativo nella respinta, ma sul pallone si avventa Galano che non deve far altro che concludere a rete. Prima marcatura allo "Zaccheria" per l'attaccante foggiano. Il match sembra perdere un po' di ritmo nei minuti successivi al vantaggio rossonero, ma al 28' è nuovamente parità: sugli sviluppi di un corner, la palla termina sui piedi di Cavion che conclude dal limite, sulla traiettoria c'è Ganz che, sul filo del fuorigioco, devia il pallone e spiazza Bizzarri. Proteste dei giocatori del Foggia per la posizione dubbia dell'attaccante bianconero. Dopo dieci minuti l'Ascoli passa nuovamente in vantaggio, ma il direttore di gara questa volta annulla: Addae colpisce tutto solo di testa su corner dalla sinistra, la palla sfila in porta ma sulla traiettoria, ben due calciatori bianconeri sono in fuorigioco e ostacolano la visuale di Bizzarri. L'arbitro al 45' concede due minuti di recupero in cui c'è spazio solo per una conclusione insidiosa di Cavion bloccata da Bizzarri. All'intervallo è 2-2. 

La ripresa si apre con un cambio per il Foggia: fuori Loiacono per infortunio muscolare, dentro Tonucci. Al 47' Galano ci prova con una conclusione dai 25 metri: palla fuori di poco. Risponde l'Ascoli poco dopo con Ganz: tiro a giro "alla Del Piero", palla che accarezza il palo a Bizzarri battuto. Grassadonia manda dentro anche Cicerelli al posto di Busellato, anch'egli non al top della forma, con il neoentrato schierato sulla destra e Gerbo ad agire da mezzala. L'Ascoli replica con Frattesi per Addae a centrocampo. I bianconeri spingono alla ricerca del gol, con un Foggia contratto nella propria metà campo a respingere i cross degli avversari. Vivarini manda dentro anche Rosseti per Beretta, accolto dagli applausi dello "Zaccheria" alla sua uscita dal campo, ma due minuti dopo è il Foggia a passare in vantaggio: azione che parte dai piedi di Kragl, bravissimo a pescare la testa di Mazzeo al centro dell'area che impatta a botta sicura, Perucchini respinge come può ma in tap-in arriva Gerbo che con una conclusione di potenza insacca facendo esplodere il caloroso pubblico dello "Zaccheria". Vivarini le prova tutte per agguantare almeno il pari e manda dentro Baldini per Ganz. All'82' Rosseti con un tiro-cross per poco non beffa Bizzarri, in ritardo nel tuffarsi e nell'intercettare il pallone. All'85' ghiotta occasione per il Foggia: Deli riceve palla in area, la difende, appoggia per l'accorrente Galano che da buona posizione, spara alto sopra la traversa. Deli che, stremato, viene sostituito un minuto più tardi da Rizzo. L'Ascoli spinge a testa bassa nel finale, chiudendo il Foggia nella propria metà campo, l'arbitro concede quattro minuti di recupero ma non accade più nulla.

Successo che proietta il Foggia a quota 4 punti, mentre l'Ascoli resta fermo a quota 6. Nel prossimo turno, in programma tra due settimane causa sosta nazionali, i rossoneri faranno visita al Cosenza mentre i bianconeri attenderanno in casa il Carpi

LA CLASSIFICA AGGIORNATA

IL TABELLINO DEL MATCH

Francesco Beccia

Leggi altre notizie:FOGGIA