LE PAGELLE - Il Foggia vola con Gerbo. Deli sugli scudi e Galano-gol

Le pagelle di Foggia-Ascoli
Le pagelle di Foggia-Ascoli

Foggia-Ascoli sorride ai rossoneri. Gli uomini di Grassadonia riescono a conquistare i tre punti fondamentali per affrontare con serenità la sosta e lanciarsi sempre più oltre le zone "rosse" della classifica: 4 punti, 12 senza la penalizzazione, tre vittorie consecutive, otto gol fatti e quattro subiti. Tuttavia, però, non è sempre "oro" tutto quello che luccica. Da rivedere qualcosina in difesa per Grassadonia. Tanti, troppi i gol subiti al primo affondo avversario e la difesa è una delle peggiori del campionato. Bene, invece, la voglia di reagire e la capacità di riorganizzarsi dopo il primo colpo incassato dagli avversari. Come contro Padova e Benevento, i rossoneri hanno saputo ribaltare l'iniziale svantaggio e, contro l'Ascoli, addirittura, il Foggia ha avuto la bravura e la caparbietà per riuscire a trovare la "doppia" rimonta dopo il momentaneo pari di Ganz. 

Tra lo 0-1 firmato Brosco e il 2-1 firmato Galano, forse, si è visto il miglior Foggia della stagione. Gli scambi sull'asse Galano-Deli hanno portato al primo gol rossonero e sono diventati il fulcro della manovra offensiva. Da rivedere, ancora una volta, invece, Mazzeo, seppur il numero 19 rossonero sia entrato nell'azione del definitivo 3-2 e fermato solo da un super intervento di Perucchini, sembra avere più di un problema a trovare condizione e via del gol.Bene anche il cinismo mostrato dai rossoneri contro la formazione marchigiana. L'Ascoli, probabilmente, non meritava di uscire senza nemmeno un punto e ciò certifica una sorta di percorso di crescita degli uomini di Grassadonia, in grado di fare risultato anche senza offrire una grandissima prestazione e in alcuni, frangenti, soffrendo pur senza concedere nulla. Ora arriva la pausa e poi ci sarà la trasferta di Cosenza che, assieme al derby casalingo con il Lecce, potrebbero segnare il sentiero da battere per il campionato del Foggia.

Ecco le nostre pagelle di Foggia-Ascoli:

BIZZARRI, voto 5,5: Qualche dubbio sul gol di Brosco si potrebbe nutrire. Poco sollecitato ma dà sempre l'impressione di arrivare un attimo in ritardo su ogni pallone. RITARDATARIO

LOIACONO, voto 5,5: Che avesse qualche problema lo si percepiva dalla debole marcatura in occasione del vantaggio ascolano. Prova a stringere i denti ma è costretto a dare forfait. CAPARBIO

CAMPORESE, voto 6,5: Dirige la difesa con tranquillità. Si cimenta in impostazione e lo fa con la solida freddezza che lo contraddistingue. GRANITICO

MARTINELLI, voto 6,5: Assieme a Camporese il migliore del pacchetto arretrato. Decisamente in crescita. Ruvido, cattivo ed ricercato con il pallone quando serve. Un difensore ritrovato. RIGENERATO

GERBO, voto 7,5: Letteralmente un motorino. A destra, a sinistra, in mezzo. E' ovunque. Forse una delle migliori prestazioni dal 2014 ad oggi. Difficile rinunciare a uno così. INSTANCABILE

BUSELLATO, voto 6,5: Uno dei migliori in campo. Peccato abbia un'autonomia molto limitata, per ora. Le poche prestazioni della scorsa stagione pesano nelle sue gambe e nelle gambe conserva solo un'ora di gioco. Entra nell'azione del 2-1 momentaneo con un gran tiro dalla distanza che Perucchini respinge sui piedi di Galano. IMPORTANTE

CARRARO, voto 5,5: Dovrebbe essere il fulcro delle azioni del Foggia. Finisce per essere "soffocato" da Ninkovic. Meglio in fase di interdizione. OFFUSCATO

DELI, voto 7: Letteralmente uno spettacolo. E' in una di quelle giornate in cui no può essere fermato. Offre lampi di classe e un gol da rivedere. Esce sfinito e dolorante per Rizzo (s.v.). FUNAMBOLICO

KRAGL, voto 6: Non il "solito" Kragl. Aveva accusato problemi in settimana e si vede. Viene fuori alla distanza. Da un suo cross nasce il colpo di testa di Mazzeo che favorisce il 3-2 di Gerbo. DIESEL

GALANO, voto 7: Quando sale in cattedra, la classe si vede. Un altro livello. Punta, calcia da fuori e sopratutto segna. Due gol consecutivi e altri tre punti. INCISIVO

MAZZEO, voto 5,5: E' in uno di quei momenti in cui avrebbe problemi a fare gol anche a porta sguarnita. Semplicemente un periodo no. Lavora per la squadra, dialoga con i compagni ma non trova la via del gol. Ancora leggermente in ritardo. La prossima partita sarà a Cosenza e lui sa come fare gol al "San Vito". Un gol per la svolta. SCONFORTATO

TONUCCI, voto 6: Entra al posto di Loiacono e offre una prestazione ordinata e composta. Senza strafare. PULITO

CICERELLI, voto 6: Il suo ingresso dovrebbe dare vivacità e freschezza con lo spostamento di Gerbo come intermedio di centrocampo. Non ci riesce a pieno ma è sempre ostico. UTILE

GRASSADONIA, voto 6,5: Non il suo miglior Foggia. Ottiene comunque i tre punti e lo fa da "grande". Soffre, il giusto, e tramortisce. Qualcosa da sistemare ancora in difesa. Ma la sua mano c'è. CRESCENTE

Agostino Piacquadio

Leggi altre notizie:FOGGIA