VIDEO - L’Audace Cerignola torna al successo: 2-3 al Gragnano

L'Audace Cerignola torna al successo dopo la sconfitta di misura patita una settimana fa sul terreno del Taranto e conquista, in extremis, tre punti fondamentali nella rincorsa al primato contro un'arcigno Gragnano.

LA PARTITA - Mister Campana sceglie un abbottonato 3-5-2. Lopetrone dirige le operazioni a centrocampo, mentre davanti c'è il tandem Sorriso-Qehajaj. Bitetto risponde con l'annunciato 4-3-3 che vede l'esordio del giovane Amabile in luogo dello squalificato Carannante. In attacco tridente ''leggero'' composto da Marotta, Foggia e Loiodice.

Partono subito forte gli ofantini che si rendono pericolosi già nel corso dell'8' con un tiro a giro di Marotta che si spegne però alto. Un minuto dopo ci prova Longo ma il suo tiro è smanacciato da Russo. All’11' bell’azione costruita dall’Audace sulla corsia di destra: cross di Tedone, Foggia fa la sponda per il tiro dal limite di Esposito. Palla larga. Nei primi venti minuti il Gragnano non riesce ad uscire dalla sua metà campo e al 19' è Abruzzese a deviare debolmente, un cross di Tedone. Facile per Russo bloccare. Al primo vero affondo però i padroni di casa passano: Tascone impegna severamente Abagnale che è super nel respingere, prima del tap-in vincente di Cavaliere. La rete improvvisa sembra abbattere l’Audace che mantiene il possesso palla, prova a creare la superiorità numerica sulla corsia di Loiodice ma non riesce a rendersi pericoloso sottoporta. L’ultima emozione arriva al 45' con il colpo di testa di Foggia ben respinto da Russo. 1-0 per i campani all’intervallo.

Nella ripresa, il Cerignola mette il turbo e in otto minuti capovolge la partita. 5', cross di Marotta dalla destra per la testa di Longo. Russo respinge in qualche modo ma il pallone arriva sul petto di Foggia che firma il più facile e rocambolesco dei tap-in. Tre minuti dopo è ancora un colpo di testa di Longo a creare non pochi problemi all’estremo difensore di casa che nulla può però al 13'. Loiodice fugge via sulla banda destra, supera Padovano e lascia partire un diagonale forte e preciso che fulmina Russo. 1-2 e partita ribaltata. Il Gragnano non riesce a reagire e allora sono sempre gli uomini di Bitetto a provare a chiudere la contesa. Al 22', cross di Esposito e stacco di testa (in avvitamento) di Foggia. Il portiere locale si distende e respinge. Sette giri di lancette più tardi è Abruzzese a provarci ancora con un colpo di testa, dagli sviluppi di un corner, ma il pallone termina di poco fuori. Con il Gragnano che sembra alle corde è Pollidori (appena entrato) a sfiorare il terzo gol ma sul suo colpo di testa c’è ancora un super Russo a sbarrare la porta. Quando meno te lo aspetti, il Gragnano pareggia: cross dalla destra di Padovano, la palla attraversa tutto l’area di rigore, prima che l’argentino Achaval con un bel tuffo di testa batte Abaganale da pochi passi. 2-2 per la gioia dei tifosi di casa. Negli ultimi minuti, il Cerignola si riversa in attacco. Le occasioni da gol però non arrivano fino al 50'. Su una palla vagante in area, Foggia è bravo a prendere posizione su Chiariello, difendere palla e farsi atterrare. Rigore ineccepibile ed espulsione diretta per il giocatore di casa per chiara occasione da gol. Dopo due minuti di proteste, Loiodice dal dischetto resta glaciale, punta l’angolino destro e batte Russo per il suo decimo gol stagionale ma soprattutto per il definitivo 2-3.

GRAGNANO-AUDACE CERIGNOLA 2-3

RETI: 26’ p.t. Cavaliere (G), 5’ s.t. Foggia, 13’ e 52’ s.t. Loiodice (AC), 39’ s.t. Achaval (G).

GRAGNANO: Russo, Padovano, Elefante, Lopetrone (17’ s.t. Follo), Chiariello, Cavaliere, Ammendola, Martone, Sorriso (24’ s.t. Achaval), Tascone (35’ s.t. Grimaldi), Qehajaj (17’ s.t. Procida). A disposizione: Buono, Fusco, Di Costanzo, Minale, Piscopo. Allenatore: Rosario Campana.

AUDACE CERIGNOLA: Abagnale, Tedone, Matere (37’ s.t. Russo L.), Amabile (16’ s.t. De Cristofaro), Abruzzese, Allegrini, Longo (33’ s.t. Pollidori), Esposito, Foggia, Marotta (20’ s.t. Vitofrancesco), Loiodice. A disposizione: Cappa, Parise, Faggioli, Ingrosso. Allenatore: Dino Bitetto.

ARBITRO: Antonino Costanza della sezione di Agrigento. ASSISTENTI: Luca Landoni della sezione di Milano e Niccolò Moroni della sezione di Treviglio.

AMMONITI: Lopetrone, Padovano, Russo, Achaval (G); Amabile, Marotta, Abruzzese (AC).

ESPULSI: Al 50’ del s.t. Chiariello (G) per fallo da ultimo uomo.

RECUPERO: 2’ p.t.; 5’ s.t.

Highlights a cura di Telesveva.

Ignazio Silvestri

Leggi altre notizie:AUDACE CERIGNOLA
Vittoria in extremis per l'Audace
Vittoria in extremis per l'Audace