Lecce. Liverani: "Derby gara speciale, ma da affrontare con serenità"

Fabio Liverani
Fabio Liverani

Ha parlato in sala stampa mister Fabio Liverani alla vigilia del derby con il Foggia che si giocherà sabato 9 marzo alle ore 15.00. Queste le sue parole:

"Bovo ha avuto qualche problema muscolare ieri, martedì faremo altri accertamenti per capirne l'entità. Cesare sicuramente poteva essere un valore aggiunto alla rosa, dispiace per lui perché non ha continuità. Majer ha fatto solo un paio di giorni in differenziato ed è al 100%, chiaramente venendo da inattività è normale che possa andare un po' in difficoltà. Ho solo qualche dubbio a centrocampo, per il resto la formazione è già abbastanza delineata. Il derby è sempre una partita particolare, sono partite diverse dalle altre. Dobbiamo affrontarla con serenità, il Foggia è sicuramente una squadra forte e costruita per altri obiettivi rispetto alla salvezza. 

Detto questo noi dobbiamo ripartire dopo Palermo, dobbiamo vincere per mille motivi e lo possiamo fare solo attraverso la prestazione, evitando di commettere gli errori che ci hanno penalizzato nelle ultime uscite. Possibile penalizzazione? Non credo che una situazione ipotetica possa influire. Io, ripeto, credo che nella globalità della rosa è una squadra che avrebbe potuto occupare posizioni più alte in classifica. Ma noi dobbiamo pensare a noi stessi, abbiamo bisogno dell'entusiasmo della gente e del gruppo per fare risultato. Credo che il Foggia sarà equilibrato per poter fare una partita dove cercheranno di limitare le nostre qualità e aumentare i nostri difetti, il modulo non credo abbia importanza perché loro hanno tanti tipi di giocatori ed è un modulo "elastico" vedendoli giocare. 

Sicuramente noi dobbiamo crescere sotto l'aspetto della mentalità, però credo sia legittimo per una squadra che otto mesi fa era in C avere delle lacune da quel punto di vista, sicuramente è qualcosa su cui si può lavorare. Maglia celebrativa? Quando si tocca la storia di una città credo sia sempre un momento bello, io sono qui da un anno e mezzo e la gente ci è sempre stata vicina, questo stadio è un pochino vecchio ed è poco propenso rispetto a quello che è oggi andare allo stadio, ma nonostante questo siamo tra le prime tre come media spettatori. Certamente queste 7 partite in casa saranno fondamentali, io non posso dimenticare la spinta che è stata data ai ragazzi nella gara con il Livorno quando erano sotto 2 a 0. L'apporto dei tifosi non ci è mai mancato".

Matteo Pagano

Leggi altre notizie:LECCE FOGGIA