Foggia, Grassadonia: "Domani sarà battaglia, match determinante"

Gianluca Grassadonia, tecnico rossonero
Gianluca Grassadonia, tecnico rossonero

Alla vigilia del match fondamentale col Venezia, da disputare al Penzo, è intervenuto, in conferenza, l'allenatore del Foggia Gianluca Grassadonia. L'allenatore rossonero ha dichiarato:

"La settimana è andata bene, quando si lavora con più serenità aumenta anche l'entusiasmo. I tre punti ci hanno fatto bene ma domani ci sarà un'altra battaglia infernale, dobbiamo essere pronti. La svolta sarà sempre il prossimo match, la partita con lo Spezia è stata importante ma la partita di domani avrà la stessa importanza, come tutte quelle da qui alla fine. Domani servirà il giusto atteggiamento che ci faccia rimanere in gara, non arrivando mai in ritardo sulla palla e bisognerà metterci l'orgoglio. Col Venezia sarà una partita determinante perché se dovessimo vincere si aprirebbero più possibilità. Bisogna essere più bravi di loro. La gente vuole vedere una squadra che ci mette il cuore e che dà tutto. Dobbiamo avere l'atteggiamento della squadra che deve salvarsi, giocare l'uno per l'altro e, ripeto, dare tutto quello che si ha.

Ngawa, purtroppo, si è fermato nuovamente per un problema che ha da tempo. Nel complesso, però, stiamo bene e in questo momento dobbiamo assolutamente far prevalere il noi e non l'io. Gli atteggiamenti negativi non hanno senso, bisogna salvare il Foggia e serve positività. Saranno tutte partite fondamentali ed è bello sapere che avremo sempre un grande pubblico che ci supporterà dagli spalti, sappiamo che anche domani sarà cosi. Zambelli ha una costola fratturata ma è disponibile.

Il Venezia sta giocando con un modulo diverso da quando c'è Cosmi e abbiamo lavorato su alcuni aspetti per essere maggiormente aggressivi in campo. Dobbiamo essere dinamici. Greco torna a piena disposizione, è un giocatore fondamentale per noi. La squadra deve avere la volontà di fare la partita e dare il massimo, è uno sconto diretto e dobbiamo avere la mentalità di portare a casa i tre punti, se non dovesse riuscirci sarà importante non perdere.

Cosa mi è piaciuto di più della partita con lo Spezia? La maturità della squadra nel leggere la partita ed è questo che mi porto dietro ma vorrei vedere una squadra che fa quello che prepariamo durante la settimana perché non ci sono partite uguali e gli avversari hanno atteggiamenti diversi. In molti dimenticano Matarese che sarà un giocatore molto importante in questo finale di stagione. Per me è molto semplice scegliere chi deve scendere in campo perché io guardo e faccio delle valutazioni, sono loro a dovermi mettere in difficoltà."

Fonte: IlFoggia.com

Alessandro Affatato

Leggi altre notizie:FOGGIA