LE PAGELLE - Leali vola e salva il Foggia. Mazzeo sbaglia quasi tutto

Le pagelle di Foggia-Livorno
Le pagelle di Foggia-Livorno

Paradiso-Inferno-Paradiso-Inferno-Purgatorio. Possiamo "sintetizzare" così l'andamento emotivo del match tra Foggia e Livorno. Un 2-2, quello tra rossoneri e amaranto, che lascia tanti rimpianti sia ai pugliesi che ai toscani, con i padroni di casa in grado di sciupare il doppio vantaggio accumulato nella prima frazione di gara. Allo "Zaccheria", infatti, è andato in scena un thriller in cui tutto è stato il contrario, e viceversa, condito da rimonte e rigori sbagliati. Alla fine il "man of the match" è Leali che all'ultimo secondo, o quasi, ha trattenuto per i capelli le possibilità di salvezza del Foggia. 

Eppure, riavvolgendo il nastro dell'incontro, gli uomini di Grassadonia erano partiti bene. Pronti via, 1-0 firmato dall'autorete di Di Gennaro, propiziata da Cicerelli. Poi ancora Foggia, tra gli errori di Busellato e Mazzeo, fino al primissimo intervento importante di Leali su Raicevic. Sarebbe stata la sveglia per i rossoneri, perchè di li a poco avrebbero realizzato il 2-0 con Kragl, grazie al suo sinistro al volo, su assist di Gerbo dopo l'ennesima azione sciupata da Mazzeo. Dagli spogliatoi, però, esce dal campo un altro Foggia e nel giro di pochi minuti tra il 65' e il 75' va in scena una delle leggi più temute del calcio: il gol dell'ex. Gabriele Gori, ex di turno, decide di mettersi in proprio e, prima con un pregevole tiro al volo, poi con un importante colpo di testa, riequilibra il match e regala ai labronici un momentaneo pari, quasi insperato al termine della prima frazione.

Finita? Nemmeno per scherzo. I rossoneri provano subito a scuotersi e con Ranieri conquistano un calcio di rigore. Sul dischetto va Fabio Mazzeo, ma Zima, con l'aiuto del palo, gli nega il gol e la trasformazione. Quando il match stava per avviarsi verso la conclusione ecco l'ultimo colpo di scena: carambolesco rimpallo tra Billong e Giannetti, il difensore trattiene l'attaccante dei toscani e, dunque, rigore per il Livorno e rosso per il difensore rossonero. Ancora una volta, però, ha la meglio l'estremo difensore sull'attaccante. Leali, infatti, ipnotizza Giannetti e consente al Foggia di continuare ad avere, flebili, speranze di salvezza. A Cremona, contro la Cremonese, ora, il Foggia si giocherà tutto: dentro o fuori, ma è quasi superfluo evidenziare come la sensazione sia quella di aver sprecato un "set-point" fondamentale. Acqua alla gola e coltello tra i denti. Vincere per sopravvivere.

Ecco le pagelle di Foggia-Livorno:

LEALI 8: Semplicemente fondamentale. Reattivo e presente ogni volta che viene chiamato in causa. Incolpevole sui gol. Peccato che in uno scontro diretto fondamentale, sia il portiere il migliore in campo. SALVIFICO

LOIACONO 6: Qualche sbavatura ma conduce con calma ed esperienza. ORDINATO

BILLONG 5: Rischia di combinarla grossa. Un po' come contro il Pescara. Ruvido ed ingenuo su Giannetti, fortunatamente, per lui e per i tifosi del Foggia, Leali ci mette una pezza. INCOSCIENTE

RANIERI 6,5: Solita prestazione di quantità e attenzione, si conquista il rigore poi divorato da Mazzeo. AFFIDABILE

KRAGL 6,5: Torna la gol su azione con una botta al volo. Sempre uno stantuffo anche se perde qualche pallone sanguinoso. DINAMITARDO

BUSELLATO 6: Ha sulla coscienza il raddoppio "divorato", nulla però rispetto a quanto spetti a Mazzeo. Pimpante e dinamico fin quando ne ha. Poi esce stremato. CORIACEO

GRECO 6: Tiene le redini del gioco provando anche qualche tentativo da fuori, spesso fuori misura. Presente anche in fase di non possesso. COMPOSTO

GERBO 6,5: Prestazione "da Gerbo", gli manca solo il gol. Spinge, corre, serve l'assist a Kragl ma no riesce a finire sul tabellino dei marcatori. COMBATTENTE

MATARESE 6: Il vivace esterno in prestito dal Frosinone porta verve e freschezza, cose che faranno poi rimpiangere l'ingresso di Iemmello. PIMPANTE

CICERELLI 6,5: Ci mette lo "zampino" sull'occasione del vantaggio rossonero. Bravo e fortunato. E' la spina nel fianco labronico per tutta la prima frazione di gara, poi sparisce lentamente. VOLENTEROSO

MAZZEO 4: Sbaglia tutto quanto possa sbagliare, una delle peggiori partite da quando è al Foggia. Forse, la peggiore. Ha sulla coscienza il rigore sbagliato. Semplicemente controproducente ed emblema di questo match gettato alle ortiche. CAPRO ESPIATORIO

IEMMELLO 5,5: Entra per Matarese ma non riesce a farsi notare. SVOGLIATO

AGNELLI 5,5: Sarà una coincidenza, ma il suo ingresso coincide con il calo del Foggia e con il 2-2 di Gori. INDIZIATO

DELI 5,5: Entra per Cicerelli ma non riesce ad apportare valore aggiunto. INEFFICACE

GRASSADONIA 5: Prepara bene la partita e l'approccio ma un calo del genere non è giustificabile. Sbaglia i cambi, soprattutto quello di Agnelli, e si ritrova con un pugno di mosche tra le mani e un punto regalato da Leali. INSPIEGABILE

Agostino Piacquadio

Leggi altre notizie:FOGGIA